Non vi fate scoraggiare dai famigliari prima di emigrare

Devo dirlo - i parenti sono una rottura di scatole; se io voglio emigrare dall'Italia nessuno può impedirmelo o farmi cambiare idea! Delle volte i famigliari o gli amici arrivano veramente al limite, perché invece di darti forza ti fanno sentire in colpa come se stai per prendere un aereo che sai che presto precipiterà?

Non lo trovo giusto! Se anche a voi è capitata la stessa cosa non mollate, non vi fate abbattere, fate vedere che è quello che volete e che otterrete con o senza la loro approvazione, vedrete che presto, molto presto diranno: se è quello che vuoi fallo!

Con me sono veramente arrivati al limite! Tipiche domande: ma perché non scegli una città come Milano, Torino, o qualcosa del genere? Gli risponderei semplicemente con un tono arrogante ''perché non te ne vai a quel paese? Così vedrai se a Torino o Milano la situazione è meglio che dell'estero'' ma aimé mi trattengo, e finisco rispondendo con tono moderato ad ogni singolo parente che mi pone questa stupida domanda.

Sono arrivato al punto di avere un esaurimento nervoso; tutti con quel tono del so tutto io, sono più grande di te, ascoltami... Quando invece non sanno nemmeno prenotare un volo aereo, oppure semplicemente non sono mai stati al di fuori dell'Italia e hanno paura di venire a recuperarmi nel panico più totale.

Quello che adoro dell'Estero è che i giovani non vengono assolutamente sottovalutati come in Italia, per quale motivo ancora c'è una mentalità così chiusa? Veramente tutto questo non lo sopporto più.

Siamo nel 2011, prenotare un volo aereo è semplice come trovare casa, oppure come lavorare in qualsiasi parte del mondo con una semplice carta di credito!

Perché cercate di farmi il lavaggio del cervello?
Perché non posso fare quello che voglio della mia vita?
Perché non volete che mi crei una vita tutta mia senza l'aiuto di nessuno?
Perché devo vivere in un paese dove funziona tutto a passaparola e bustarelle?
Perché non posso fare quello che non avete fatto voi?
Perché continuate a trattenermi e a convincermi di restare se ho già preso una decisione?
Perché non ci siete mai quando cerco un consiglio e invece quando prendo una decisione mi stressate?
Perché non ho il coraggio di porvi queste domande?
Sono io che sono diverso, o siete voi che non mi capite?

Parenti cari: siete in grado di rispondermi a tutte queste domande? Forse si, ma io conosco già le risposte.  Non vi faccio queste domande per evitare eventuali discussioni patetiche, oppure qualcosa mi trattiene? Saranno le catene che mi hanno messo per restare in questo paese, dove ho perso la voglia di vivere, non mi va nemmeno di uscire, solita gente che ti conosce e nemmeno ti saluta, gli dai il buon giorno e molte volte non ti rispondono! Non vorrei dire queste brutte cose, eppure e la cruda realtà dove sono costretto a vivere.

Spero con tutto il cuore di riuscire a costruirmi una vita altrove, non mi piace vivere dove tutti si conoscono, tutti conoscono le storie e le vite degli altri e nessuno si parla, dove sono? Vivo in Calabria o in una specie di reality show? Non lo so, so solo che io in questo paese non ci vedo il mio futuro. Senza offesa per nessuno o per gli abitanti del mio paese ''per il momento anonimo'' ma è quello che penso, se capiterete un giorno a leggere queste righe non vi stupite, perché
non sono l'unico a pensarla così.                                                      
 Scusate per lo sfogo ma ci voleva :)

                     

Bambini, imparate a fare le
cose difficili: parlare al sordo, 
mostrare la rosa al cieco, liberare 
gli schiavi che si credono liberi. 
- Gianni Rodari




6 Responses
  1. Anonimo Says:

    questo tuo blog mi sta convincendo...anzi quasi quasi ti chiedo di partire con me ;-)

  2. Traveler Says:

    Haha io dovrei ripartire appena sistemo un paio di cose... Però forse andrò a Manchester e non a Londra. Sto aspettando una risposta per lavoro a Manchester e poi decido, spero che per la metà di maggio ripartirò :)

  3. Anonimo Says:

    oddio quanti problemi che danno i miei!
    E devi laurearti e se non ti pigli la laurea non sei nessuno! Coooome fare?

  4. Traveler Says:

    Ognuno è libero di fare le scelte che vuole; molte volte i genitori fanno le scelte per i propri figli e questo non lo sopporto. Facendo le scelte al posto dei figli ''figli che sono già maggiorenni e vaccinati'' vanno contro la propria volontà, e non li aiutano a maturare. Fategli capire che non ci saranno sempre loro a fare le proprie scelte. Se prendi una decisione loro possono consigliarti o meno, ma non possono obbligarti. Tu puoi essere qualcuno anche senza laurea, e poi per essere qualcuno non ci vuole per forza una laurea. Ci sono laureati che fanno lavori umili, e anche diplomati che riescono a vivere come vogliono loro. Sicuramente la laurea è un vantaggio, ma se non vuoi prenderla dedicati in qualcosa che ti piace.

  5. Anonimo Says:

    Ciao..complimenti per il sito..per la cronaca, mia figlia è la prova vivente..visto che viva e studia a Londra per i fatti suoi..ma sopratutto per la sua scelta..un saluto da bluemoon..una mamma inglese che viva in Calabria.

  6. Traveler Says:

    Ciao tu sei quella che prima di partire per il mio viaggio a Londra mi hai dato molti consigli, hahaha è un piacere leggere un tuo commento sul mio blog! Allora devi essere fiera di tua figlia, vuol dire che l'hai educata benissimo, complimenti. :)

Posta un commento

Visualizzazioni totali

abcs