Maledette sigarette

Ho smesso di comprarle, purtroppo non riesco a farne a meno, sono uno di quelli che farebbe chiudere le industrie di tabacco per crimini contro l'umanità, eppure quando sono in compagnia quella dannata sigaretta me la fumo sempre! Riesco a farne a meno anche per mesi, e solo che quando sono in compagnia non riesco a dire di no. ''Che stupidaggine, lo so, è più forte di me,'' non riesco a stare senza una sigaretta mentre gli altri mi fumano d'avanti...


Se ci pensi la sigaretta equivale al suicidio, allora perché tutti fumano? Perché fumiamo? vogliamo morire prima del previsto? E' una moda stupida! Uno stupido passatempo! Eppure oggi sono quasi tutti fumatori,  minorenni e non...

E poi arriva il momento in cui ti chiedi: come mai nonostante gli effetti palesemente devastanti che provocano all'uomo, le sigarette sono ancora in commercio? Ovvio è sempre per questione di soldi, persone senza cuore si arricchiscono, e poco importa come lo fanno, poco importa se ci sono persone che muoiono, l'importante sono i soldi.

E poi ti chiedi: chi ha scoperto le sigarette? La nascita della sigaretta è controversa. Fu, forse, inventata dai soldati musulmani che, durante l'assedio di San Giovanni d'Acri (nell'odierno Israele) del 1831-2, pare sostituissero al narghilè i tubetti di carta svuotati della polvere da sparo. Altri ne attribuiscono l'invenzione ad alcuni soldati inglesi, sbarcati sempre a San Giovanni d'Acri nel 1840 in seguito all'azione militare contro l'Egitto. Costoro, privi di pipe e di tabacco, fabbricarono rudimentali sigarette ricorrendo a foglie di tè arrotolato.(da: Wikipedia)  Non dice che anche gli Indiani dell’America Settentrionale fumavano tabacco per scopi religiosi e magici in pipe tagliate in una speciale pietra, i Maya fumavano tabacco in pipe di pietra ma lo avvolgevano anche negli involucri delle pannocchie di mais... La ricerca è molto vaga, la sigaretta non ha un inventore con nome e cognome come tutte le altre cose.

Le sigarette sono in circolazione perchè lo Stato ci guadagna quasi 7 miliardi di euro all'anno, appunto per questo sono detti Monopoli dello Stato. Lo stato fa il perbenista, incentivando le campagne contro il fumo, ma alla fine non desidera proprio che i fumatori smettano, altrimenti proibirebbe le sigarette. Spera solo che i fumatori ci restino secchi velocemente per non avere aggravi sulla spesa della sanità (curare il cancro da fumo e le malattie polmonari costa). Se lo stato volesse veramente fare smettere di fumare la gente basterebbe alzare il prezzo delle sigarette.. un bel 15-16 euro a pacchetto non sarebbe male, i ragazzini per lo meno preferirebbero spendere i soldi sulla miscela del motorino o andando al cinema, o andando a mangiare la pizza piuttosto che farli fuori per una mèrda del genere. Poi tanto chi è accanito non smette di sicuro, ma almeno lo Stato si rimpingua bene le tasche.


Ecco le multinazionali Assassine
Il mercato mondiale del tabacco è dominato da 4 grandi multinazionali e dall'azienda di stato cinese[49]:

Speriamo solo che qualcuno le faccia chiudere tutte.
1 Response
  1. tiziana Says:

    Non credo nemmeno che ci siano campagne informative e di prevenzione appropriate, che aiutino a capire quanto faccia male fumare. Sennò il monopolio che ci guadagna.

Posta un commento

Visualizzazioni totali

abcs